Product Image

CALCEM

NX 120

Intonaco premiscelato a base di calce e cemento per interni ed esterni ad applicazione meccanica o manuale

CE

 

Descrizione

NX 120 è una malta premiscelata in polvere, per intonaci interni ed esterni, confezionata miscelando del purissimo fiore di calce, ottenuto dalla cottura di rocce calcaree sarde a circa 900° C, cemento, ed inerti calcarei selezionati per purezza ed arco granulometrico.

NX 120 con Resina, è l’evoluzione del prodotto NX 120, per l’applicazione su supporti esistenti ben coesi e solidali con la muratura. La malta è caratterizzata da un’alta capacità di adesione al supporto e facilità di lavorazione. Il promotore di adesione è già presente nel prodotto “ad optimum”, in maniera da abbattere le variabili di cantiere riconducibili al dosaggio, e quindi l’applicazione non omogenea, di prodotti aggrappanti, evitando, così, limitazioni della traspirabilità dell’intonaco preesistente e, quindi, della muratura.

NX 120 con Fibre, è un prodotto additivato con fibre sintetiche per ottenere una malta da intonaco rinforzata; le fibre sintetiche hanno la funzione di intercettare le incrinature da ritiro impedendone la propagazione. Il prodotto è consigliato su supporti a basso e modulo elastico, quali: cemento cellulare e legno mineralizzato. Lo spessore della finitura deve essere idoneo a contenere le fibre.

NX 120 con Idrofugo, grazie all’additivazione con resine idrofuganti il prodotto diventa ideale per la realizzazione degli intonaci su prospetti particolarmente esposti all’azione degli agenti atmosferici.

Usi e modalità applicative

NX 120 si applica come i tradizionali intonaci “civili” direttamente su qualsiasi tipo di sottofondo, anche misto, privo di polvere, residui di disarmanti o efflorescenze, purchè si garantisca la sua ottimale adesione. Inumidire sempre il supporto prima dell’applicazione.
Si spruzza con le normali macchine intonacatrici. Per l’applicazione a mano è consigliabile impastarlo con il frustino a trapano. Si consiglia di mantenere gli spessori applicativi tra gli 8 e 15 mm, nel caso siano richiesti valori maggiori è bene ottenerli per strati successivi opportunamente intervallati. Il ciclo finale di frattazzatura ad umido favorisce le migliori condizioni di idratazione dell’intonaco. La malta consente un ampio margine di lavorazione: sono comunque sconsigliate le condizioni estreme di temperatura sotto i 5°C ed in presenza di pioggia o sole battenti. Su supporti assorbenti è opportuno realizzare preventivamente un rinzaffo.

Caratteristiche

  • Tipo di malta: malta per scopi generali per intonaci interni/esterni GP EN 998-1
  • Aspetto: polvere
  • Granulometria max: 1,2 mm
  • Resa teorica: 14 kg/m2 per centimetro di spessore
  • Confezione: in sacchi da 30 kg su bancali in legno oppure sfuso

Principali dati tecnici

  • Acqua di impasto: 23% circa
  • Massa volumica apparente del prodotto in polvere: 1370 kg/m3 ± 3%
  • Resistenza a compressione a 28 gg: Categoria CSII a norma EN 998-1
  • Resistenza media a flessione a 28 gg: 1,43 N/mm2
  • Coefficiente di diffusione del vapore acqueo: μ = 8,9
  • Reazione al fuoco: classe A1
  • Adesione al supporto: 0,2 N/mm2 FP:B
  • Assorbimento d’acqua: W0
  • Conducibilità termica: λ = 0,47 W/m K (valore tabulato)
  • Durabilità (gelo/disgelo): NPD

Note

Conservare in luogo asciutto e aerato.
Operare a temperature comprese tra +5°C e+35°C. Adoperare acqua pulita per l’impasto.
Il prodotto contiene tutte le materie prime opportunamente predosate,
necessarie per ottenere un impasto di ottima qualità; si sconsiglia pertanto l’aggiunta di altre sostanze.

 

Voce di capitolato

Fornitura e messa in opera del corpo di intonaco dello spessore di circa 1,5 cm su superfici verticali, orizzontali ed oblique, interne ed esterne, con malta premiscelata composta da calce, ottenuta dalla cottura di rocce calcaree sarde a circa 900°C, cemento, ed inerti carbonatici selezionati per purezza e granulometria, quest’ultima compresa tra 0 e 1,2 mm (tipo malta “NX 120” della linea CALCEM, prodotta dalla CALCIDRATA S.p.A.), con un coefficiente di permeabilità al vapore acqueo “μ” minore di 9; applicazione meccanica o manuale, esclusi i ponteggi fissi, compresi gli eventuali ponteggi provvisori di servizio.